Essere come vele

di madre Petra Urietti
Essere come nuove veleIn questa giornata, 17 ottobre 2020, in cui ci troviamo insieme come consacrate della Famiglia del Piccolo Disegno, vorrei condividere un pensiero:...

noi religiose (e religiosi!) dovremmo essere un po’ come delle vele! La barca è la Chiesa, il vento è lo Spirito (e non manca mai!) e noi consacrati, con i nostri diversi pezzi di stoffa, più o meno resistenti e più o meno grandi, siamo chiamati a costruire e ad issare le vele per aiutare a muoverci verso la “direzione giusta”!
Il tempo è mutato, è mutato molto ultimamente, ma se vogliamo che la barca di Pietro continui a solcare i mari portando il Vangelo di Cristo, dobbiamo con tutte le nostre energie, con tutte le nostre stoffe (… forse anche la stoffa delle nostre mascherine!) costruire ed issare le vele: nuove vele!
Direi che i consacrati, noi consacrate, dovremmo mettere insieme le due cose, (soprattutto come Suore di San Giuseppe!) e cioè coniugare annuncio della Parola e servizio di carità perché la persona che incontriamo, il caro prossimo, riceva un “pane completo” fatto di “spirito e carne” (se mi permettete l’espressione).
Nessuno deve avvicinarci (e non dobbiamo avvicinare nessuno!) senza offrire questa “doppia pagnotta” perché il mondo del Covid e del post-Covid sarà sempre più affamato di comunione: comunione fraterna e comunione eucaristica! Non dimentichiamocelo mai!
(Alcuni pensieri stralciati dall’Introduzione alla Giornata di Formazione del 17 ottobre 2020 // Testo completo PDF in Video-Audio).