Alzarci per lasciarci incontrare

Lucia
Alzarci per lasciarci incontrare dallo sguardo di amore del PadreVenerdì 11 novembre 2022, dopo il lavoro, ho raggiunto, con un’amica, Villa San Pietro a Susa, dove mi aspettava un numeroso gruppo di “Amici della Parola”.

La casa era alla sua massima capienza! È sempre una gioia ritrovare vecchi compagni di cammino e vedere come il gruppo si allarga ad ogni weekend. Questo è il risultato grazie a coloro che accettano l’invito a mettersi in ascolto e a lasciarsi guidare nella lettura e nella meditazione degli Atti degli Apostoli.
Ci siamo subito sentiti Chiesa, ognuno di noi nella sua unicità, diverso dagli altri per età, provenienza, vocazione, … ma “perla preziosa” (Mt 13,44). Non perla perfetta, ma preziosa agli occhi del Signore che lo ha voluto qui. Siamo stati chiamati a metterci alla scuola dello Spirito (Atti 2), capace di creare comunione nella diversità, per lasciarci toccare il cuore per metterci in movimento.
È stato il mio sguardo a essere chiamato in causa. Chiamato ad alzarsi per lasciarsi incontrare dallo sguardo di amore del Padre che mi viene a cercare, come è stato per Pietro. Chiamato a vedere nel cuore dell’altro il bisogno profondo, mettendosi allo stesso livello, come hanno fatto Pietro e Giovanni con lo storpio alla Porta Bella del Tempio (Atti 3,1-10). Chiamato a saper riconoscere e valorizzare i doni dell’altro (Atti 6,1-7).
Tutti noi stiamo vivendo “da dentro” le fatiche della Chiesa, in questo momento storico. Ma crediamo che, come è stato per la prima comunità, le crisi interne siano un’opportunità per crescere e cambiare. È necessario uscire dal “si è sempre fatto così”, rimettendo al centro la Parola. I sacramenti e la preghiera devono portarci a sentirci fratelli, e quindi a condividere, tenendo insieme preghiera e carità.
Porto nel cuore ciascuno dei fratelli con cui ho condiviso questa esperienza. Ho tantissima gratitudine per chi ha spezzato per noi la Parola. Mi rimane il desiderio di portare queste riflessioni nella mia comunità parrocchiale e quello di tornare a Susa a febbraio per il 2° weekend.